Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Ma l’ENPA dov’è?

Mi hanno insegnato sin da piccolissima che quando si mangia qualcosa in presenza di altri bisogna sempre offrire. Soprattutto caramelle e simili.
Sì, proprio le caramelle, quell’alimento simbolico ed economico che da sempre viene donato per antonomasia, anche a chi non si conosce, che in una ipotetica classifica di cose atte alla socializzazione ed alla manifestazione del proprio livello di buona educazione occuperebbero il 1° posto.
Da qualche anno invece vanno in onda gli spot delle caramelle “che non si offrono”, dove i malcapitati che restano a bocca asciutta sono…animali.
La cosa assume connotati ancor più sadici se si considera che le povere bestie finora scelte per interpretare gli spot in questione sono tra le più intelligenti in natura: il cavallo ed il delfino, ai quali l’avido ragazzino di turno fa sventolare sotto gli occhi l’appetitoso sacchetto colmo del dolciume senza condividerne la bontà.
Nulla di più triste.

Technorati

Annunci

Archiviato in:bambini, comunicazione, pubblicità, spot, TV

3 Responses

  1. marco ha detto:

    E’ in assoluto una delle pubblicità più brutte che abbia mai visto.La frase “delfino curioso” mi suscita un sentimento di stizza tale che credo sarei capace di mordere le orecchie al copy di quello spot

  2. MarketingPark ha detto:

    E pensare che di quelle caramelle ne ho mangiate un sacco…Suggerisco a quell’azienda di salvare il salvabile, con un teaser magari, uno spot conclusivo a questa triste serie ove si faccia finalmente giustizia a favore del delfino dopodichè cambiare totalmente registro ed orientarsi su altri temi.

  3. milo ha detto:

    ma se non sbaglio la stessa caramella era stata protagonista, tempo prima, di uno spot ancora più tremendo, con una figliolina in preda ai primi turbamenti amorosi che piagnucolava sulle sue disgrazie e alla fine si tirava su ciucciando la caramella in questione. Tristissimo il claim “non basta, ma aiuta”, che è stato poi giustamente piegato ai contesti più diversi e più beceri (a cominciare da quello, ovvio, dello stipendio: non basta, ma aiuta :o).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: