Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

La volpe e l’uva

Ripensando a certi slogan del passato tipo “per molti, ma non per tutti”, in tempi più recenti – a causa anche della cosiddetta “contrazione” dei consumi – il marketing ha rivisto alcuni canoni comunicativi al fine di rendere più approcciabili molti prodotti e servizi “premium price”.
Fatta eccezione per i soliti status symbol (tipo mega yacht, jet privato, villa sulle colline di Los Angeles etc.), alcuni beni di lusso vengono oggi proposti in modo assolutamente diverso a come lo erano appena pochi anni fa, cioè meno inarrivabili e più easy to buy. In questo modo si cerca di conquistare anche coloro (es. appartenenti a fasce di reddito medio) che finora hanno potuto solo ammirare certi prodotti ma che oggi, grazie anche ad un credito al consumo più diffuso, possono finalmente concretizzare piccoli grandi sogni.

Proprio in questi giorni ho notato la nuova campagna stampa Mercedes per le sue SLK Chrome e Sport, dove le scintillanti cabrio vengono offerte con formula Light Lease. In questo caso gioca un ruolo importante il termine “light” perchè strategicamente evocativo di un qualcosa che potrebbe “pesare poco” sul bilancio personale, ed uno slogan che, basandosi sull’acronimo del modello in questione, parla soprattutto alle generazioni più giovani (solitamente quelle con meno disponibilità di risorse) ovvero:”molto Summer, poco Lease, very Kool”. Inoltre, sempre nella pubblicità Mercedes in questione, alle peculiarità dell’auto non si fa minimamente accenno, si è preferito “spingere l’acceleratore” esclusivamente sul fattore economico, la chiave cioè che può davvero sbloccare (forse sto esagerando coi termini automobilistici?) ogni eventuale intento di acquisto.
Viene comunque altresì specificato che l’approvazione del finanziamento è riservata alla DaimlerChrysler Servizi Finanziari S.p.A.

Anche i servizi finanziari finalizzati al consumo hanno conosciuto nuova vita negli ultimi anni. Una sempre maggiore flessibilità è comunque auspicabile affinchè non vengano penalizzate alcune categorie di lavoratori (es. precari) nell’accedervi. Anche in tal senso l’atteggiamento verso il cliente delle tante finanziarie è alquanto variegata.

Ricordo che, quando appena neodiplomata seguii un corso di “Marketing dei prodotti finanziari” riservato ai neoassunti del ramo leasing di un noto istituto bancario italiano, una delle regole base che ci venivano somministrate era (cerco di spiegarvelo con un concetto semplice):

MAI far sentire il cliente uno sfigato, solo perchè viene a chiederci i soldi (che non ha)!
In tal senso quella banca precorreva i tempi in fatto di “comunicazione” lì dove altre, anche a fronte di richieste esigue, imponevano la loro “potenza” facendo sentire il cliente piccolo piccolo.

Ritornando sull’accessibilità di beni e servizi accennata ad inizio post, e volendo citare la celebre storia di Fedro, affinchè la volpe-cliente dopo numerosi tentativi di impossessarsi dell’uva-prodotto non abbandoni il campo snobbando infine l’oggetto del desiderio, il trend attuale in fatto di comunicazione e pubblicità pare evidente: sempre meno “volpi” dovranno rimanere a bocca asciutta!

Technorati

Annunci

Archiviato in:banche, comunicazione, credito al consumo, leasing, lusso, Marketing, Mercedes, metafore, pubblicità

One Response

  1. Simone Favaro ha detto:

    Il motivo che porta la Mercedes a spingere sull’acceleratore dell’aspetto economico è da ricondurre ad un cambiamento in atto nelle politiche commerciali di questi gruppi: ha sempre meno importanza il prodotto finale che tu trasferisci e sempre più i servizi collegati. Questo perchè la concorrenza abbatte i margini sulla produizione e, di conseguenza, si deve recuperare attraverso attività a più ampia marginalità – questo spiega l’interesse delle case automobilistiche (oltre alla Mercedes, Pegeaut, Fiat, ecc.) a costituire Banche di Leasing. A questo si aggiunge il fatto che è diminuito il potere d’acquisto ed allo stesso tempo è aumentato il bisogno di “consumo” come status symbol (lo dimostra gli acquisti rateali su importi anche inferiori a 1000 euro). Uniamo i due fattori ed esce che la Mercedes incentra la sua campagna sul servizio di Leasing e che si sprecano i flyer dei servizi finanziari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: