Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Cosa è nato prima: il film o lo spot?

Questo post è scaturito da un interrogativo che negli ultimi giorni non ha mai smesso di balzarmi da un emisfero all’altro, da quando cioè ho visto per la 1° volta il trailer dell’ultimo film natalizio di De Sica. Il breve filmato è una veloce sequenza di scene salienti della pellicola in questione, ove il montatore ha dedicato a ciascuno dei protagonisti un tot di secondi al fine di dare ai potenziali spettatori una presentazione esaustiva del cast di attori.
La colonna sonora del trailer è una nota hit di Bob Sinclar, nonchè tormentone dell’estate 2006, nonchè tema principale della soundtrack del film ma – dettaglio non trascurabile e, credo, neanche casuale – il motivetto che accompagna da mesi la campagna spot della TIM che, guarda caso, è interpretata proprio dal solito De Sica.
Poichè il montatore di cui sopra ha peraltro selezionato pure le scene in cui i singoli attori hanno sempre tra le mani un cellulare e sono alle prese con chiamate varie, il potenziale spettatore viene in pratica bombardato di messaggi promozionali più o meno espliciti in attesa del film-spottone finale che sarà quello che vedrà poi al cinema.
In pratica una sbornia di product placement totale, globale, universale!

Niente di più e niente di meno che il già visto nei Natale precedenti ove imperversava Megan Gale, all’epoca nota testimonial di un altro gestore telefonico.

Così mi son chiesta, sarà nato prima il film oppure lo spot dei telefonini? Alla fine il buon senso mi ha suggerito che probabilmente – anzi, certamente – entrambe le cose hanno avuto vita nello stesso istante, come due gemelli omozigoti uguali e speculari, pianificate con precisione scientifica nei tempi e nei modi.
Un tripudio del marketing mutualistico!

Annunci

Archiviato in:cinema, film, spot

2 Responses

  1. Luca ha detto:

    Sarà la solta abbuffate di telefonici, come l’anno scorso, tanta spesa e pochissima resa.

  2. MarketingPark ha detto:

    Probabilmente LORO ignorano che le abbuffate possono provocare pure la…nausea!La nausea nel marketing è cosa pericolosa.Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: