Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

1 notizia, 14 pareri, 0 vendite

Lo scorso 28 Novembre verrà ricordato a lungo dai cittadini lombardi.
La Regione Lombardia, 1° in Italia, ha varato una legge per la qualità dell’aria. Il provvedimento riguarda tutti gli aspetti coinvolti: energia, traffico, riscaldamenti, agricoltura, ricerca e innovazione tecnologica. Per quanto riguarda il traffico, costituisce un forte quadro normativo che permette alla Giunta di procedere nella direzione da tempo indicata, e cioè di fermare i mezzi più inquinanti: dal 1 luglio 2007 autobus pre Euro 1 (che verranno sostituiti), ciclomotori e moto a due tempi pre Euro 1; dal 1 ottobre 2007 tutti gli altri veicoli pre Euro 1.
Nel 2008 toccherà invece ai veicoli Diesel Euro 1. Contestualmente, la Regione promuoverà misure per il rinnovo del parco veicolare.
I più pessimisti prevedono nel giro di pochi anni restrizioni a catena che potrebbero coinvolgere le categorie successive a quelle finora contemplate, e cioè Euro 2, Euro 3 e così via.

La rottamazione di un’auto “per decreto” potrebbe così riguardare veicoli sempre più “giovani”, se solo consideriamo che nel 2000 (ma forse anche un po’ dopo, vi prego segnalarmelo) venivano prodotte le famigerate Euro 1.

Una notizia così destabilizzante, per chi ha investito risorse nell’oggetto del desiderio, che impatto può provocare? Quali gli effetti? Si venderanno più auto nuove o, piuttosto, si riconsidereranno gli acquisti futuri in modo più disimpegnato proprio perchè un’auto rappresenterà un bene ancor più effimero perchè una legge potrà dichiararne, in qualsiasi momento, l’obsolescenza?

Ho individuato un “panel” nel mio “entourage” al quale porre gli interrogativi di cui sopra. Ho così raccolto un parere diretto in merito al provvedimento che di fatto costringerà coloro che finora – per motivi economici o affettivi – hanno resistito a qualsivoglia offerta e pubblicità per liberarsi del loro amato veicolo.
Nessuno di loro, neanche quelli di indole più ansiosa, ha mostrato il benchè minimo intento di volersi recare in una concessionaria.
In 3 sperano in un futuro contrordine magari della prossima Giunta (e a tal scopo custodiranno per un pò l’auto in garage).
Tutti, se proprio costretti dagli eventi, convertiranno piuttosto gli attuali veicoli a GPL, con un costo sostenibile di circa 1500 Euro.

Risultato: aria pulita (era quello auspicato dai legislatori, o no?), ma zero vendite di auto nuove!

Technorati

Annunci

Archiviato in:ambiente, innovazione, rottamazione, vendita

4 Responses

  1. Luca ha detto:

    Zero vendite sul nuovo, lievitazione degli impianti a GPL e mercato dell’usato impazzito. Chi non aveva i soldi l’anno scorso per cambiare auto non credo li abbia quest’anno.

  2. MarketingPark ha detto:

    Sempre meno gente avrà voglia di destinare parte del proprio stipendio in finanziamenti pluriennali per un bene di cui non si può mai disporre con libertà.Non credo che le restrizioni e le forzature faranno lievitare le vendite di auto. Chi non cambia un veicolo per mille buone sue ragioni non lo farà comunque.Lassù dovranno farsene una ragione…

  3. PedroelRey ha detto:

    Secondo il rapporto annuale findomestic pubblicato pochi giorni fa sono crescenti per il 2007 le intenzioni di acquisto di beni durevoli e, nello specifico, di auto nuove. Il mercato dell’usato vale circa il doppio del nuovo a volumi e sono 11 milioni i veicoli euro 0 o 1 in circolazione.Come ho già avuto modo di dire la coscienza ecologica al momento dell’acquisto [anche]di un auto è bassa e prevalgono altri fattori.Fondamentalmente dipenderà dalla frequenza di utilizzo; se uso molto spesso la macchina sarò costretto a cambiarla o a montare l’impianto gpl altrimenti “me ne frego” come testimoniano, appunto, il numero di ato “inquinanti” ancora in circolo.Un abbraccio.Pier Luca Santoro

  4. […] comunicazione più o meno invadente, informazioni contrastanti, sollecitazioni al consumo (anche forzato) l’utente diventa apatico, stanco, invoca rispetto per le sue esigenze e…silenzio. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: