Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

2 Responses

  1. Roberto ha detto:

    Purtroppo non è solo utile definire il decalogo del consulente.Ci vorrebbe anche il decalogo del CLIENTE! Perchè spesso sono i clienti che dovrebbero capire e comportarsi da clienti e non da comandanti, pensando sempre che siccome pago, decido io. Ma poi penso, perchè mi hai cercato allora? Semplicemente per trasformare le tue idee sul web? No! Voglio poter trasmettere la mia esperienza di molti anni, la mia voglia di creare sempre cose nuove e innovative, mentre spesso, proprio il cliente, vuole decidere in settori dove non ha esperienza, solo perchè ha letto un giornale, ha parlato con un amico, ecc.In questo caso dovremmo imparare dagli americani, dove gli esperti, oltre che ben valutati e apprezzati, vengono sempre tenuti in forte considerazione dalle aziende, che cercano invece da loro proprio idee, soluzioni, applicazioni innovative e non solo operatività.Sono stanco di questo, di questa ignoranza nelle nostre aziende. Mi meraviglia poi che il Nord Italia sia così statico. Noto e rilevo molta energia, voglia di cambiare, di fare innovazione, nel Centro-Sud. Altro che Nord lavoratore e trascinatore dell’Italia come dice Umberto. Sono stanco anche di queste esternazioni politiche continue, del Signor Bilancia che come dice Rossi era meglio che diventava un comico, della destra, centro e sinistra.La volontà del cambiare è nelle persone, in ogni singola persona, un blog può aiutare anche in questo. Voglio entrare nell’Oceano BLU! E ora finalmente lo posso fare, la passione, la mia energia, le mie idee, la mia volontà mi porta su questa strada… sarà dura ma ho vinto molte sfide e sono pronto anche per questa ancora più grande. 😉

  2. MarketingPark ha detto:

    Dai Roberto, prova a stilarlo tu il decalogo del Cliente ideale, di come lo vorremmo al fine di creare rapporti proficui e non conflitti da subalternità. Giuro che te lo pubblico pure su MarketingPark, così chi non vi si riconosce può benissimo rivolgersi altrove. Dicono che il tempo è danaro, e così non ci perderebbe nessuno.Tu scrivi: “Ma poi penso, perchè mi hai cercato allora?”.Se qualcuno ci cerca spontaneamente è perchè ha un problema e vuole una soluzione, anzi, una buona soluzione che non può trovarsi da solo. Anche quando un curriculum parla chiaro, esso però pare non bastare mai.La tua amarezza è pure la mia.Alla prossima!TZ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: