Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Predicare bene e…

E’ di oggi una notizia che pone in evidenza come certe aziende non esitino a compromettere la propria immagine pur di non apparire flessibili agli occhi dei loro dipendenti. Gli integerrimi però mietono vittime, ed a farne le spese stavolta, commessa a parte, sono i più deboli: i bambini, ovvero l’affamato piccolo mendicante ed il figlio della dipendente che ora non ha più un lavoro.
Come ne esce da questa brutta vicenda il celebre marchio che fa vanteria di impegno sociale ed aiuti all’infanzia?

Io gli posso consigliare, tanto per iniziare, una sana lettura. Mi aspetterei pure un gesto di grandezza da parte dell’ex datore di lavoro e, ancora più su, dalla multinazionale del panino.

Filed under: immagine

Acqua in bocca

Un recente post che ho letto, ove si chiedeva il contributo di professionisti al fine di delineare i fattori di criticità emersi durante la pianificazione di progetti (con tanto di case histories), mi ha fatto riflettere non poco su un aspetto importante del lavoro, dipendente o consulenziale che sia: la riservatezza.
Ci sono professioni ove la discrezione – soprattutto quella futura, quando cioè il rapporto di lavoro e/o collaborazione non è più in essere – è implicita, prima ancora che richiesta per iscritto.
Nel mio caso, ad esempio, nanche in una circostanza come quella narrata nel film Five Fingers (vi consiglio di vederlo) potrei mai svelare gli inenarrabili segreti aziendali che in tanti anni ho dovuto mio malgrado raccogliere 🙂
Non è questione di entità ma di serietà. Anche gli episodi, diciamo, “leggeri” meritano riservatezza perchè rivelatori in qualche modo di debolezze (come disorganizzazione, inadeguatezza di alcune risorse, liceità di alcune mosse, etc.), che alla concorrenza non dovrebbero (in nessun caso) mai arrivare.
Ci sono anche circostanze (tipo finte selezioni del personale, con tanto di campagne pubbliche di recruitment) – create ad hoc per “sfilar via” il maggior numero di informazioni possibili a persone che hanno ricoperto ruoli chiave in aziende concorrenti – che vanno smascherate subito (in genere prevedono colloqui infiniti ed informali) prima di lasciarsi andare alla cosiddetta “parola di troppo”. Anche questa, purtroppo, è Business Intelligence!

Technorati

Filed under: business intelligence, comunicazione, lavoro

Un sasso nello stagno

I corporate blog (o meglio, i fake blog) del recente passato hanno deluso e resteranno per sempre degli esempi da non perseguire. Vi hanno inciampato nomi celebri, e li ringraziamo per averci regalato (a loro spese) prezioso materiale “didattico” sul quale riflettere.
Spesso alle aziende chiediamo innovazione, attenzione al cliente, ascolto dei bisogni del mercato, responsabilità sociale, comunicazione trasparente, pubblicità coerenti con le reali peculiarità dei prodotti etc. (ne scrivo ormai quotidianamente su questo blog, come tanti altri “colleghi” della blogosfera italiana).
Le aziende però sono fatte di persone, e quelle che domani dovranno confrontarsi (e gestire) certi aspetti ora sono nelle università. Partire dal “vivaio” mi sembra la via migliore per sensibilizzare il management prossimo venturo.
“Bloggare” infatti vuol dire condividere, scoprirsi, dialogare, confrontarsi. Assimilare certi atteggiamenti costruttivi anche attraverso l’esercizio del blogging diventa più facile.
Il Prof. Stefano Epifani, docente della Facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza – Università di Roma, è promotore di BlogLab e così ne parla: “E’ una iniziativa volta ad approfondire le tematiche inerenti la progettazione, la realizzazione e la gestione di un blog. L’iniziativa nasce dalla consapevolezza che i blog sono ormai entrati a pieno titolo nell’ecosistema degli strumenti di comunicazione; utilizzati tanto nell’ambito della comunicazione di massa quanto in quello della comunicazione d’impresa. Motivo, questo, che rende necessario per chi si occupa di comunicazione conoscere la blogosfera, le sue caratteristiche, le sue regole”.
I seminari vedranno coinvolti anche alcuni blogger italiani, per le loro competenze specifiche.
Sul sito appositamente inaugurato, potrete trovare ulteriori info per partecipare o aderire.

Technorati

Filed under: BlogLab, comunicazione

Archivio post

The Best From The Past

I post più letti oggi

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: