Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

L’eccellenza è nel dettaglio

Qualche giorno fa mi è stato segnalato che Apple aveva avviato una campagna mondiale di sostituzione dello chassis inferiore dei MacBook venduti tra il 2009 ed il 2010. Previa verifica online del numero seriale, è possibile sapere se il computer in vostro possesso rientra tra quelli passibili di eventuali danni futuri, quindi idoneo alla sostituzione del guscio gommato in questione.

Agli interessati vengono proposte varie possibilità per accedere facilmente alla sostituzione gratuita, come farsi assistere dagli esperti Apple presenti sul territorio oppure attraverso un kit fai-da-te ordinabile via web.

Io ho scelto quest’ultima opzione e nel giro di 24h UPS mi ha recapitato a casa il pacchetto con tutto l’occorrente (cacciavite incluso!). Vi pare poco?

Archiviato in:Apple, customer care, MacBook

Cara azienda ti scrivo…

In anni recenti i consumatori hanno via via acquisito sempre più la consapevolezza del loro potere nei confronti delle aziende, esigendo da queste ultime attenzione ed ascolto. La customer satisfaction passa anche attraverso recapiti telefonici sempre attivi, e-mail dedicate, personale garbato e disponibile alla rapida risoluzione di un problema legato all’acquisto.
I canali di contatto tra chi produce e chi fruisce di un bene quindi non mancano, resta a noi farne buon uso affinché le aziende (anche quelle più “distratte”) possano fare tesoro tanto dei suggerimenti quanto delle critiche più feroci. Talvolta però potrebbe non bastare. In alcuni casi sarebbe addirittura auspicabile passare alle vie di fatto. Non fraintendetemi, da parte mia nessuna velata apologia di reato, bensì l’idea di coinvolgere direttamente il prodotto nelle nostre eventuali dimostranze.
Tempo fa vi raccontai della mia intenzione di rispedire ad un editore il bruttissimo libro che ebbi la sfortuna di acquistare. Penso che andrebbe restituita tutta la merce quando non ci soddisfa, non all’incolpevole negoziante, ma direttamente al produttore. Mozzarelle blu, smacchiatori che non smacchiano, sgrassatori che non sgrassano e via dicendo, ed inondare di resi inaspettati gli uffici marketing di multinazionali e non.
Di contro, può capitare pure di essere pazzamente soddisfatti di un acquisto al punto da volerne omaggiare, a “fine carriera” e dopo lustri di utilizzo mai tradito nella qualità, la sua casa madre.
Alla Marlboro Classics si son visti restituire da un affezionato cliente un paio dei loro celebri stivali country, vecchi e decisamente usati, accompagnato da una lettera di ringraziamento “per il lungo cammino fatto insieme”.
Lusingati da cotanto dono con dedica, in MCS han deciso di esporlo in una teca all’interno del loro corner a Pitti Immagine Uomo!

Archiviato in:aziende, customer care, Marketing, Marlboro Classics, Pitti Immagine Uomo

Tu chiamala se vuoi Customer Care

Chi tanto, chi ci prova e chi niente.

Archiviato in:customer care

Archivio post

The Best From The Past

I post più letti oggi

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: