Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Behind fashion bloggers – Breve analisi di un fenomeno

Titolo precedente di questo post: Sign of the times.

Tre mesi orsono, con l’intento di documentare e motivare il perchè di alcune mie personali scelte in materia di prodotti e marchi rispetto ad altri, diedi vita ad un esperimento online. Trattavasi di The Style Brunch, un temporary concept space per contenere piccoli lussi quotidiani in fatto di moda, estetica e design. La mia ricerca del bello nelle cose di uso comune trovava finalmente anche una sua collocazione virtuale da condividere con altri. In questo periodo mi sono soffermata (esclusivamente con l’obiettivo del mio iPhone) su dettagli (spesso esclusivi) di accessori, prodotti e complementi. Ho descritto peculiarità che possono essere colte solo da chi vive certi oggetti, a differenza di coloro che recensiscono solo in base al materiale stampa ufficiale diffuso dalle aziende.  Tempo a disposizione permettendo e, soprattutto, quando opportuno, continuo a segnalare le cose che mi piacciono e che apprezzo.

Però sul web appena si sfiora l’argomento moda è facile che qualcuno subito ti confonda con quello strano mondo fatto dai cosiddetti “fashionisti”, mondo al quale non aspiro ad appartenere (giusto per tranquillizzare quelli che mi conoscono). Trattasi di un vorticoso giro di personaggi che, a vario titolo, in rete e non, contribuiscono ad alimentare il business della moda operando sui loro simili come sulla potenziale clientela finale , persino utilizzando tutti gli strumenti social di cui oggi disponiamo.

Mio malgrado, nel momento in cui ho cercato di esplorare e comprendere il fenomeno “fashion blogger”, mi si è aperto davanti uno scenario inimmaginabile fatto di network, piattaforme, interconnessioni, circuiti promozionali e pubblicitari, awards, blogstar e chi più ne ha più ne metta. Tutto farebbe pensare che il gioco sia molto più serio ed organizzato rispetto a quello che si potrebbe credere aprendo un blog a caso, di quelli cioè anche apparentemente naif o che propongono look improbabili. In alcuni casi ho persino dubitato della “genuinità” di alcuni blogger (di facciata?), troppo giovani e senza curriculum specifici per mettere su certe potenti macchine di Marketing che farebbero impallidire il più navigato e titolato Project Manager. A supporto dei miei sospetti, il fatto che risulta spesso impossibile risalire (tramite “whois”) a chi abbia registrato realmente certi domini web.

Quello che a me colpisce è pure la puntuale acriticità di chi scrive i post, proprio come certi giornalisti di lungo corso caratterizzati da una talvolta ingiustificata generosità nei confronti di stilisti ed aziende del settore. Il fatto che questi ultimi siano storicamente dei big spender in campo pubblicitario può forse spiegare in parte l’entusiasmo tout court della stampa specializzata, però i blogger di razza (lo sappiamo) son quelli che scrivono animati da senso critico, scevri da condizionamenti. Invece in molti casi trattasi  di personaggi che vanno a braccetto con le griffe, organizzando talvolta happening ed operazioni di co-marketing che con l’autore amatoriale non hanno nulla a che vedere. Il tutto però viene reso più credibile se spruzzato qua e là con qualche foto personale e/o divertente.

I fashion blogger sono, genericamente, individui che in ogni angolo della Terra (e senza pudore, a volte) pubblicano le immagini delle loro mise quotidiane, molte delle quali ineccepibili, altre più discutibili sotto il profilo del buon gusto, a metà tra narcisismo e voglia “di esserci” comunque. Scorrendo le foto che corredano i post, a lasciarmi perplessa sono a volte le pose. Alcune sono ricorrenti da una latitudine all’altra, altre pure equivocabili. Tra queste ne avrei classificate alcune. C’è, ad esempio, “l’accovacciata” (come per espletare un bisogno fisiologico impellente); “l’attesa”, che invece consiste nello stare in strada con un tacco appoggiato alla parete esterna di un edificio, come in attesa appunto di “clienti” (come spesso si vede anche in certi polizieschi americani ambientati nei bassifondi urbani); infine vi segnalo la posa della “irriducibile”, ovvero tacco 12 a passeggio sul prato, roba da fantascienza. L’apoteosi però dell’esibizionismo è rappresentato da Fashism.com, ove gli utenti postano gli autoscatti realizzati persino nei camerini di prova delle boutique al fine di ricevere, in tempo reale, opinioni e suggerimenti all’acquisto dagli altri utenti collegati.

Ilarità e derive a parte, quanto sopra descritto dimostra che il web sta colmando il divario che c’è sempre stato (inutile negarlo) tra il mondo del lusso e la gente comune, quella che non solo per motivi di reddito ma soprattutto culturali difficilmente si immaginava al mercato o ad accompagnare i figli a scuola con una borsa Givenchy o un cappotto di Prada. Il solo fatto di vedere sui siti casalinghe, studentesse o impiegate vestite di tutto punto o con personalissimi mix di firme, immortalate nei contesti più disparati e comuni ha fatto dire a molte: why don’t me?
Il business, si sa, gioca anche coi grandi numeri e conquistare nuove fette di mercato è stato fondamentale per sopravvivere alle tante crisi che si sono succedute negli ultimi 10 anni. Infatti, il mondo della moda, anche attraverso questa inaspettata e virale forma di comunicazione consumer-to-consumer, sta conoscendo una crescita che altri settori stentano a macinare.
La stampa specializzata invece, proponendo i medesimi abiti ed accessori indossati però dalle top model (ovvero canoni di bellezza, fisicità e perfezione lontani anni luce dalla stragrande maggioranza degli esseri umani) rende, a mio parere, il lusso ancora più inaccessibile psicologicamente agli occhi dei più.
Le fashion addict e le shopaholic (quelle dallo shopping compulsivo/patologico) tendono ormai a trarre sempre più ispirazione dalle loro simili in rete piuttosto che sfogliando le riviste specializzate, troppo infarcite (as usual) di stereotipi irraggiungibili.
L’autodeterminazione delle consumatrici di moda, insomma, sta provocando anche il calo di interesse nell’editoria di settore e l’estinzione delle grandi tirature di un tempo.

Post aggiornato il 11/04/2011

Annunci

Archiviato in:2.0, blog, blogger, blogosfera, Comunicazione, consumo, Design, editoria, Fashion addict, Fashion Blogger, lusso, moda, Shopaholic, social network, società, The Style Brunch

La via maestra

La Stampa, uno dei quotidiani storici italiani, oggi annuncia l’intera digitalizzazione dei suoi archivi, consultabili online e gratis per tutti. Su www.archiviolastampa.it (non ancora attivo) saranno presto disponibili i .pdf di tutti i numeri pubblicati dal 1867 ad oggi. L’iniziativa merita sicuramente rilievo ed un plauso, in quanto rappresenta un unicum nel paludato scenario dell’informazione, alle prese con calo di lettori ed avventurosi modelli di business.

Archiviato in:editoria, informazione, La Stampa

Consigli non richiesti #6

Molti quotidiani italiani, nella loro versione online, impongono limitazioni d’accesso ai loro archivi. In pratica, salvo rare eccezioni, se si vuol leggere un numero intero o un singolo articolo risalente a qualche mese/anno fa bisogna prepararsi ad un vero tour de force. Le testate bresciane, ad esempio, prevedono non solo la registrazione utente ma anche varie forme di abbonamento. In un caso, pur pagando, risultano accessibili solo i documenti pubblicati negli ultimi 6 mesi. Queste limitazioni, a mio avviso, nuociono proprio ai giornali locali (di per sè già di nicchia) perché ne riducono la popolarità anzi, ne annullano la visibilità in Rete, in quanto non linkabili dai siti/blog nè raggiungibili dai motori di ricerca. Aprirsi al World Wide Web favorirebbe la circolazione dell’informazione, la notorietà dei giornalisti e delle testate, la diffusione di fatti ed eventi locali che spesso rimangono sconosciuti ai più.
Qualcuno potrebbe obiettare motivi di costi (spazio occupato sui server, banda, manutenzione etc.) però, nel caso di .pdf, gli spazi pubblicitari restano visualizzabili come sulla copia cartacea, quindi perpetui nel tempo. Gli inserzionisti sono consapevoli che già entro poche ore dall’uscita nelle edicole nessuno guarderà più la loro pubblicità, figuriamoci qualche mese dopo. Gli editori potrebbero chiedere a loro un eventuale obolo in più per far fronte alle spese vive che la presenza in Internet comporta, in cambio dell’eternità (o quasi).

Archiviato in:editoria, giornali, informazione, stampa, web,

Archivio post

The Best From The Past

I post più letti oggi

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: