Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Tips and tricks

Il mondo del Marketing, da sempre, le tendenze o le fiuta o le provoca. In ogni caso, possedere una buona vista periferica (quella che sa momentaneamente escludere il focus centrale per esplorare meglio i dettagli di contorno) aiuta.  Proprio nei dettagli si nascondono profezie che, se ben interpretate, potrebbero rendere preveggente chiunque, altro che sfera di cristallo! Per capire, ad esempio, in quali settori economici si svilupperanno focolai di crisi o di speculazione, andrebbero letti i dati di scambio della famigerata Borsa di Chicago ed i futures. A casa nostra, invece, i maligni sostengono che per sapere se si sta profilando una crisi di governo e si andrà presto alle urne, si dovrebbero tenere d’occhio le sorti del Milan.  Si dice che le grandi new entry nella sua formazione generino prezioso entusiasmo nei tifosi (anch’essi elettori), entusiasmo di cui si può fare a meno in altre stagioni (= meno acquisti clamorosi) quando non sono previste importanti tornate elettorali.

Annunci

Archiviato in:Borsa di Chicago, crisi, economia, elezioni, Futures, Marketing, Milan, politica, Speculazioni, teorie, trend

Ugly communication

Le tornate elettorali italiane, di qualunque portata, sono sempre indicatrici del grado evolutivo della comunicazione ad esse correlata.
Il bilancio, alla fine, è sempre desolante, nonostante l’avvento del Web, di canali alternativi a radio/tv e dell’imposizione di norme e regolamenti più restrittivi.  Alle affissioni selvagge, in anni recenti, si sono sommati gli SMS e le chiamate preregistrate non autorizzate (da chi purtroppo le subisce). Trattasi di comportamenti sanzionabili e la politica lo sa, però per le multe c’è sempre tempo (penserà qualcuno) e l’importante è cogliere l’attimo, al resto si baderà poi. La Rete poi offre il fianco a troppi social-improvvisati che per qualche settimana daranno a tanti l’illusione di un dialogo che si interromperà puntualmente ad urne chiuse.
I cittadini, le famiglie, interi quartieri e comunità vengono insomma tirate a destra e a manca con ogni mezzo possibile, il tutto mentre la vita pubblica sembra paralizzata come in attesa del Messia. Quello però che antropologicamente mi stupisce, e che osservo con attenzione, è la trasformazione degli individui coinvolti a vario titolo nella kermesse elettorale, come certi insospettabili conoscenti che improvvisamente scopri essere massive spammer di mail-proclami o di volantini appiccicati pure sui pali della luce!

Archiviato in:campagna elettorale, comunicazione, elezioni, spam, web

Archivio post

The Best From The Past

I post più letti oggi

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: