Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Una mano di bianco, please

Nell’era della Comunicazione Globale è diventato molto più complicato (se non impossibile) mantenere segreti a lungo vizi privati e stili di vita discutibili.
Per i personaggi pubblici, si sa, l’emersione di uno scandalo può stroncare carriere, spaccare famiglie, ridurre in miseria.

Rispetto un tempo, poi, oggi capita che per ogni soggetto caduto in disgrazia equivalga una moltitudine collaterale di personaggi che invece riesce a conquistarsi qualche giorno di imprevista celebrità (fatta di interviste, apparizioni televisive e, talvolta, pure qualche contratto), un “indotto trash”, per così dire.

Appena lo scoop accenna a sgonfiarsi, l’attenzione ritorna sul malcapitato di turno, il quale si gioverà (certamente) delle efficaci ma prevedibili azioni di un “crisis manager”, per raggiungere almeno una parziale riabilitazione dell’immagine perduta.

Ecco che viene puntualmente avviata quella che io definisco la “human wash machine” fatta di tappe obbligate e talvolta dolorose. Ad ogni latitudine corrisponde solitamente un iter, una sorta di “geomarketing” del vip.

Ad esempio, negli States, pare, la tappa principale è l’obiettivo della fotografa più quotata, a cui seguirà la cover sul magazine popolare, l’intervista con l’immancabile mea culpa (che racimola sempre consensi) e, perchè no, una puntata del talk show per eccellenza.
Gli sponsor ritornano e…vissero tutti felici e contenti!

 

Archiviato in:comunicazione, crisis management, immagine, media, pr, sponsor, vip

Renaissance

  1. Come scusarsi con stile.
  2. Lessico contemporaneo da rivedere.
  3. Ed infine, suggerimenti preziosi, analisi impietose e tutti gli errori da evitare quando ci si veste.

Archiviato in:immagine

Predicare bene e…

E’ di oggi una notizia che pone in evidenza come certe aziende non esitino a compromettere la propria immagine pur di non apparire flessibili agli occhi dei loro dipendenti. Gli integerrimi però mietono vittime, ed a farne le spese stavolta, commessa a parte, sono i più deboli: i bambini, ovvero l’affamato piccolo mendicante ed il figlio della dipendente che ora non ha più un lavoro.
Come ne esce da questa brutta vicenda il celebre marchio che fa vanteria di impegno sociale ed aiuti all’infanzia?

Io gli posso consigliare, tanto per iniziare, una sana lettura. Mi aspetterei pure un gesto di grandezza da parte dell’ex datore di lavoro e, ancora più su, dalla multinazionale del panino.

Archiviato in:immagine

Archivio post

The Best From The Past

I post più letti oggi

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: