Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Dei massimi sistemi (musicali)

Stamattina in radio passavano Open Your Mind degli U.S.U.R.A. (progetto Italian dance anni ’90 di grande successo).  Mi è bastato niente per fare due conti, alla vigilia del Midem poi, l’appuntamento invernale più atteso dall’industria discografica mondiale (a proposito, quest’anno non ci andrò e me lo dovrò far raccontare).

Gli “Anni Zero” appena conclusi non hanno prodotto alcuna novità, in termini di generi.
I prolifici “Eighties” rimarranno, mi sa, imbattuti a lungo (new wave, electro pop, albori della house etc.);  i Novanta resteranno nella storia perchè hanno visto per lo più la nostra Italia protagonista indiscussa (techno, progressive, spaghetti house, dance d’esportazione).

Cosa potrà mai segnare il decennio musicale che ci attende?

Forse tanto. Forse niente.

Come scriveva un tempo Jovanotti: “è sempre la stessa canzone che va, da 1200 anni fa”? Oppure l’italico ingegno riuscirà anche stavolta a lasciare il segno?
Da chi da 20 anni riesce a vendere la techno ai tedeschi (patria dei Kraftwerk)  mi aspetto ancora il gran guizzo.

Annunci

Archiviato in:Anni Zero, midem, musica

Erase/Rewind

La Cote anche quest’anno ha offerto grandi opportunità al musicbiz. Peccato il tempo, quasi “bresciano”: cielo coperto ed umidità. Anche al Palais c’era tanta Brescia (con Time in testa) come sempre.
L’Italia resta ancora un buon punto di riferimento per le produzioni dance-commerciale ed house, mentre il “french touch” ha assunto connotazioni “di nicchia”, per intenditori. Al Midem si incontra e si reincontra. Nell’industria discografica (come nei media) c’è un forte turnover ma poche le facce veramente nuove e tanti, invece, i passaggi da una label all’altra. Una volta l’anno, insomma, si aggiornano le agende e si dà finalmente un volto a tante voci e nomi.
Infatti molti mi ricordavano ancora come Head Press Office of
A differenza di altri eventi business, qui sono out tailleur, cravatte e…banalità!
Le mise sono generalmente informali ma originali, ciò per aiutare a ricordare meglio le numerose persone con cui si viene a contatto. Anche il mio look (potrei definirlo siberian punk) probabilmente verrà ricordato a lungo: abito nero senza maniche con drappeggio laterale (credo ne indossasse uno simile Debbie Harry in un suo celebre video) e cappello di volpe!

Tra gli eventi esclusivi che hanno “coccolato” i partecipanti (molti li ho persi, avendo raggiunto Cannes solo negli ultimi 2 giorni della manifestazione), ricordo il solare Sounds of Jamaica con Shaggy ieri sera all’Hotel Mediterranèe.
Potere del reggae e del beverage: il freddo non si sentiva più!

Ed ora le buone notizie.
La blogosfera, in questa edizione 2007, è stata considerata un media a tutti gli effetti.
Gli organizzatori del Midem hanno inserito questo nuovo canale tra quelli monitorati quotidianamente alla ricerca di articoli e recensioni per il report riservato agli addetti ai lavori.
Altro segno dei tempi.
La old industry si è posta quesiti fino a qualche tempo fa impensabili.
Tra i workshop, infatti, spiccavano titoli come “Power to the Consumer”, “I’m the Consumer. Do you know me?”, “Virtual Worlds – Real Money?”, “DRMs – Do we really need’m?”.

Il prossimo appuntamento per i professionisti della musica sarà a Miami, per l’attesissima WMC – Winter Music Conference.

Technorati

Archiviato in:industria discografica, midem

Mucha energia

Ogni anno, a Gennaio, l’industria discografica si incontra al Midem di Cannes.
Personalmente, la trovo un’ottima occasione per rinfrescare i contatti con gli addetti ai lavori (provenienti da tutto il mondo) ed i media di settore.
Di sera, poi, è un turbinìo di eventi, dj set, party organizzati dalle etichette musicali (indimenticabili quelli all’Hotel Martinez, con annesse abbuffate di sushi).
Vi consiglio anche l’imperdibile mangiata di crostacei nei caratteristici ristorantini nei pressi del Palais du Cinema ed il giro di shopping, favoriti dal clima quasi primaverile che in questo periodo dell’anno potete trovare lì.
A lato, il logo della manifestazione 2007 ed una mia foto relativa ad una edizione precedente.

Archiviato in:industria discografica, midem, musica

Archivio post

The Best From The Past

I post più letti oggi

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: