Marketing Park

Una boccata d'aria pura nel sempre più fumoso e caotico mondo del Marketing! Dal 2006.

Il Laureato? Docet!

Come già accennato in un post precedente, la pubblicità imitativa sembra aver contagiato soprattutto i gestori di telefonia mobile.
L’ispirazione di cotanta creatività giunge ancora da un film di culto come “Il Laureato” (protagonista Dustin Hoffman, lo ricordate?) ed in particolare dall’indimenticabile scena finale con fuga della sposa proprio al momento del sì.

Nei decenni la celebre pellicola di Mike Nichols è stata, nei contesti più disparati, “saccheggiata” per quanto concerne le citazioni, ma non avremmo immaginato mai che ben due compagnie telefoniche concorrenti avrebbero riproposto il medesimo tema nelle rispettive campagne pubblicitarie e per di più nel giro di due anni appena. Va altresì precisato che il primato spetta a TIM, con la sua Adriana in abito bianco.

…e la staffetta continua.

Annunci

Archiviato in:Uncategorized

L’innovazione. Cos’è? Si mangia? Anche!

Negli ultimi 5 anni si è spesso parlato di “innovazione” e della irrimandabile ormai necessità di innovare nel nostro Paese.
A proclami ed invocazioni (da più ambienti) però, sostanzialmente, è cambiato poco.
Talvolta il monito (agli altri) a rimboccarsi le maniche veniva proprio da chi, operando nelle cosiddette “stanze dei bottoni”, aveva già gli strumenti ed il potere per dare l’incipit al cambiamento, nonchè il buon esempio.

Anche certe liberalizzazioni, che tanto fanno discutere in questa calda estate 2006, potrebbero contribuire allo svecchiamento graduale del sistema, ma da sole non bastano.

Le aziende, ad esempio, guardando con occhio critico al proprio presente, possono costruire il loro futuro e stabilire con le proprie forze se e quali successi conseguire.
Talvolta la possibilità di innovare è proprio lì sotto gli occhi, ma non la si vuol vedere. Questo accade quando un prodotto diventa obsoleto o sta per diventarlo perchè all’orizzonte si profilano nuovi brevetti, nuovi materiali, formulazioni etc. e, anacronisticamente, c’è chi preferisce crogiolarsi negli splendori del passato invece di lasciare (o solo modificare il percorso) della vecchia via.

Basta osservare con attenzione il quotidiano per trarre esempi alla portata di tutti.

L’industria alimentare moderna è quella che sa percepire le ultime tendenze in fatto di salute e benessere, nonchè le linee guida dettate dalle recenti scoperte scientifiche in materia di sana alimentazione, prevedendo le esigenze e i desideri del mercato/del consumatore.
Al contrario, quei prodotti che vengono proposti ancora con gli stessi ingredienti in quantità al limite della salubrità (es. materie prime che favoriscono l’insorgenza di malattie cardiovascolari, colesterolo alto, ipertensione) o conservanti di 30 anni fa sono destinati a sparire dagli scaffali dei negozi, perchè accuratamente evitati dagli acquirenti, sempre più informati ed accorti.
Per quest’ultima categoria di prodotti sopra citata, le aziende perseverano nel far leva invece sul valore affettivo del brand magari “storico”, anche sulle giovani generazioni di consumatori che non percepiscono certe evocazioni e sono più critiche nell’approccio all’acquisto.

Archiviato in:Uncategorized

Aò, sò sacchi!

In Italia non si è ancora vista la vera pubblicità comparativa (sebbene sia consentita) ed ecco che le aziende già hanno adottato quella imitativa.
Alcuni gestori di telefonia mobile, infatti, hanno già all’unisono (di nome e di fatto, è proprio il caso di dirlo), affidato i loro spot al dialetto romanesco, simpatico ed evocativo, probabilmente, di chi la sa lunga in fatto di affari.
In principio fu la De Sica family (per Tim), poi Claudio Amendola (per 3), infine Totti (per Vodafone).

Totti, in particolare, per confermare la convenienza di un’offerta che prevedeva il risparmio di ben 50 Euro sull’acquisto di un telefonino, ribadiva : “aò, sò 100 sacchi!”.

In questi giorni anche Claudio Amendola ha “evocato” il valore delle vecchie lire a mò di Totti per pubblicizzare un’offerta che comprende una ricaricabile con 10 Euro di chiamate gratis e, prendendo a prestito proprio la battuta del calciatore, conclude lo spot così: “aò, sò 20 sacchi!”.

Ed io invece mi chiedo: ma an vuoi vedè che c’hanno pure lo stesso autore?

Archiviato in:Uncategorized

Archivio post

The Best From The Past

Più votati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: